kitesurf marsala

kitesurf viaggi

kitesurf fondi, terracina

BANNER DISPONIBILE, PER MAGGORI INFO POTETE CONTATTARE IL NUMERO 0640049423 - redazione@kitesurfing.it 

Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!

Vista Combinata Vista Piatta Vista ad Albero
Discussioni [ Precedente | Successivo ]
Risultati 1 - 20 su 25.
di 2
Ciao, questo è stato un anno tremendo per l'alto numero delle tragedie accadute, e questo nonostante le ali siano diventate "più sicure".
La maggio parte di esse sono dovute a folate improvvise di vento che lanciano il kiter contro qualche ostacolo.

Evidentemente i sistemi di rilascio, nelle diverse implementazioni dei vari brand, non basta.
In effetti tutte le varianti presuppongono che il kiter abbia il tempo e la prontezza di tirare un codino/laccio/pomello, che evidentemente in tali circostanze non vi è stato il tempo.

Ragazzi, Occorre un meccanismo AUTOMATICO di rilascio del chicken-loop.

Gli attacchi degli sci utilizzano da decenni meccanismi basati su molle e bilancini che, tarati sul peso dello sciatore, rilasciano lo scarpone quando la forza applicata su di esso supera un certo limite, salvando le gambe di parecchi sciatori.

Propongo di invitare e fare pressione sulle case produttrici di creare un meccanisco del tutto simile a quello degli scarponi da sci, che oltre un certo limite di forza applicata al cavo e magari anche tarabile, quest'ultimo rilasci il cavo.
Con il loro mezzi non credo ci voglia molto ad ingegnerizzare una soluzione opportunamente integrata al chicken-loop, con un pò di studi poi, si potrebbe trovare la misura della forza che viene reputata ingestibile, e quindi sufficiente a rilasciare la sicurezza.
Il rischio potrebbe essere, certo, quello di avere dei "falsi-positivi" rilasci in condizioni che avremmo potuto gestire, ma chi non farebbe a cambio rispetto ad una tragedia?
Magari nelle competizioni o nei video ESTREMI che vediamo nella rete potrebbe essere bloccato o magari non montato, ma credo che debba assolutamente essere montato su tutti i kite di noi comuni "mortali".

Con questo mio post invito tutti voi a riflettere ed evolvere la mia idea, e per chi è in contatto con brand a proporre l'idea.
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
11/11/09 23.56 come risposta a Pietro Marrone.
Quoto al 100% ogni tua parola, non ti nego che da qualche giorno sto lavorando proprio per capire come si può realizzare un sistema efficace per risolvere il nostro problema, purtroppo ogni volta che penso qualcosa, vengo sempre spiazzato dalla salsedine e dalla sabbia che mi blocca tutti gli eventuali sistemi che mi sono venuti in mente.

Ma domani chiamo un mio amico ingegnere e provo a vedere se lui può realizzare con altri mezzi le mie idee.

Il sistema non è null'altro che un accessorio da montare sulle front line che in caso di extra power si aziona, naturalmente non funziona se non siamo attaccati al chichen loop.

Ma la vedo al momento molto ma molto difficile.

Se qualcuno a qualche idea non esitate a discuterne con noi.
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 8.20 come risposta a Antonio Gaudini.
buono era il sistema dei primi sonic GK con un depower di un metro e mezzo basta che lasciavi la barra.....ma non risolve i problemi a 100%..oppure qualcosa che sgonfi l'ala al momento dello sgancio della sicura del c.loop..tipo un linea/briglia o 5 linea applicata ad una valvola di grande misura sulla vela....
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 10.24 come risposta a Pietro Marrone.
La vedo dura. Il primo sistema da mettere su una vela dovrebbe essere nella testa di chi la usa.
1) Quanti fenomeni se ne stanno in modalità SUICIDE a terra? Uno dei ragazzi che ha ha vuto un brutto incidente se ne stava in suicide a terra. PARLIAMONE.
2) Non esiste ancora uno sgancio simile per tutte le vele. ALcune brand insistono con piroletti laterali (addirittura il PIN nemmeno fossimo nel 2004) invece di un sistema centrale di più facile reperimento
3) Si insiste ad andare in acqua con vele enormi e venti assurdi SVEGLIA. Il meteo non lo vede nessuno?
4) Molti fenomeni staccano i 5 tolgono le sicure perchè "non è abbastanza radicale andare con le sicurezze". RAdicali dove? Fateli al bagno i radicali, che poi la gente crepa e tutti a piangere.
5) Caschetto ed impact non vengono quasi mai usati, almeno da noi.
6)Sboronate e manovre del menga, tipo i famosi salti della quaglia a 1 metro da riva fatte con 30 nodi onshore sono ben altra faccenda.

Altro che mettere gli autosganci sulle front quando chi usa la vela è un emerito idiota.
Perdonate lo sfogo ma PROPRIO NON CI SIAMOemoticonemoticon
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 11.28 come risposta a Pietro Marrone.
Credo che per quanto si possano migliorare i sistemi di sicurezza...il rischio non sarà mai azzerato, ci sarà quindi sempre una soglia minima accettabile...che se pur minima,non va mai e dico mai sottovalutata!!!
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 12.12 come risposta a Armando Maiuri.
sputnik:
Credo che per quanto si possano migliorare i sistemi di sicurezza...il rischio non sarà mai azzerato, ci sarà quindi sempre una soglia minima accettabile...che se pur minima,non va mai e dico mai sottovalutata!!!


Sono d'accordo con te che la natura non va sottovalutata e che il rischio resta comunque, ma ciò a mio avviso non deve arrestare passi che possono essere fatti nella ricerca e sviluppo per la sicurezza.
Un esempio, in formula uno negli ultimi 10 anni, da quando la sicurezza dei piloti è divenuto un obiettivo primario, anche a costo di performances, il numero di morti si è decimato (eppure li non giocano a boccette), ovviamente il rischio di inidente non è stato annullato, ma sono state drasticamente diminuite le conseguenze.
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 12.26 come risposta a Massimo Perfetti.
Scusami se obietto:
max65:
buono era il sistema dei primi sonic GK con un depower di un metro e mezzo basta che lasciavi la barra.....ma non risolve i problemi a 100%..

Non risolve i problemi per nulla, quando arriva la folata di vento, quella che ti scaraventa in aria in un secondo, non basta modificare il profilo aereodinamico della vela, in quei casi, che molto spesso sono quelli che arrecano danni seri, si è in pericolo anche se legati ad una busta un pò più grande di quella della spesa, in quei casi l'unica cosa che ti salva è non essere legato a nulla!

max65:
..oppure qualcosa che sgonfi l'ala al momento dello sgancio della sicura del c.loop..tipo un linea/briglia o 5 linea applicata ad una valvola di grande misura sulla vela....

Non va bene per il discorso di cui sopra è per il tempo che occorre allo sgongiaggio della vela, al limite bisognerebbe spaccarla in due, ma credo vi possano essere sistemi migliori.
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 12.25 come risposta a Antonio Gaudini.
antonio:
Quoto al 100% ogni tua parola, non ti nego che da qualche giorno sto lavorando proprio per capire come si può realizzare un sistema efficace per risolvere il nostro problema, purtroppo ogni volta che penso qualcosa, vengo sempre spiazzato dalla salsedine e dalla sabbia che mi blocca tutti gli eventuali sistemi che mi sono venuti in mente.

Si Antonio, purtroppo i nostri mezzi, oltre il grande ingegno che ciascuno di noi può avere, sono limitati, è per questo che dobbiamo chiedere ai brand, che tra l'altro potrebbero anche averne un riscontro publicitario e quindi di vendite.

antonio:

Il sistema non è null'altro che un accessorio da montare sulle front line che in caso di extra power si aziona

Io lo vedrei integrato con il sistema di rilascio che già esiste, che quindi diverrebbe azionabile manualmente, ed in casi estremi in automatico, quindi anche riagganciabile in marein caso di falso allarme


antonio:

... naturalmente non funziona se non siamo attaccati al chichen loop.

Vuoi dire in andatura UN-Hooked? beh in tale caso il problema non sussiste in quanto con uno strappo della forza di cui parliamo, sicuramente non si riesce a mantere la barra in mano...
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 12.40 come risposta a Marco Amidani.
dartvader:

La vedo dura. Il primo sistema da mettere su una vela dovrebbe essere nella testa di chi la usa.

Sicuro, i pazzi vi saranno sempre, anche quelli che decideranno di eliminare il sistema di sicurezza in discussione, ma cerchiamo di salvare gli altri

dartvader:

2) Non esiste ancora uno sgancio simile per tutte le vele. ALcune brand insistono con piroletti laterali (addirittura il PIN nemmeno fossimo nel 2004) invece di un sistema centrale di più facile reperimento

Ed è quello che ci si auspica, la generazione di una nuova generazione di sistemi di sgancio.
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 12.51 come risposta a Pietro Marrone.
peterborwn:
sputnik:
Credo che per quanto si possano migliorare i sistemi di sicurezza...il rischio non sarà mai azzerato, ci sarà quindi sempre una soglia minima accettabile...che se pur minima,non va mai e dico mai sottovalutata!!!


Sono d'accordo con te che la natura non va sottovalutata e che il rischio resta comunque, ma ciò a mio avviso non deve arrestare passi che possono essere fatti nella ricerca e sviluppo per la sicurezza.
Un esempio, in formula uno negli ultimi 10 anni, da quando la sicurezza dei piloti è divenuto un obiettivo primario, anche a costo di performances, il numero di morti si è decimato (eppure li non giocano a boccette), ovviamente il rischio di inidente non è stato annullato, ma sono state drasticamente diminuite le conseguenze.


Si è quello che dicevo...ben venga la ricerca e lo sviluppo ;) !!!
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 13.13 come risposta a Pietro Marrone.
Abbiamo capito tutti che la discussione non è per nulla facile, infatti tutte le risposte e consigli che avete inserito sono TUTTE giustissime, anche se i modi di pensare sono completamente opposti.

Uno dei punti fondamentali da mettere in risalto sono che se un'azienda o qualsiasi altra persona brevetta un metodo di sicurezza ottimale, si abbassa solo il rischio di incidente, ma non si annulla completamente.

Se analizziamo i 3 incidenti mortali che ci sono stati in Italia, tutti e tre sono stati causati da un'uscita in kite con condizioni di vento perturbato, di certo non con venti regolari.

Siamo tutti consapevoli che le forze della natura se sfidate possono fare brutti scherzi.

Per quanto mi riguarda uno dei punti principali da approfondire è quello dell'informazione dettata dalle scuole di kitesurf quando un nuovo rider si avvicina al nostro sport.

Tolta questa premessa sono certo che la tecnologia deve essere utilizzata in modo da abbassare il più possibile la possibilità di incidente in qualsiasi tipo di condizione.

Realizzare un sistema non è impossibile, ma nello stesso tempo non facile.

Seguendo in prima linea alcune aziende del settore vi assicuro che ogni anno lavorano è studiano non solo per le performance delle vele, ma anche per ottimizzare i sistemi di sicurezza, e di sgancio rapido.

Poi ragazzi scusate, ma quante volte abbiamo visto persone che hanno rischiato di brutto per tentare di non rompere la vela, piuttosto che restare in totale sicurezza. emoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticonemoticon
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 16.30 come risposta a Antonio Gaudini.
antonio:
Quoto al 100% ogni tua parola, non ti nego che da qualche giorno sto lavorando proprio per capire come si può realizzare un sistema efficace per risolvere il nostro problema, purtroppo ogni volta che penso qualcosa, vengo sempre spiazzato dalla salsedine e dalla sabbia che mi blocca tutti gli eventuali sistemi che mi sono venuti in mente.

Ma domani chiamo un mio amico ingegnere e provo a vedere se lui può realizzare con altri mezzi le mie idee.

Il sistema non è null'altro che un accessorio da montare sulle front line che in caso di extra power si aziona, naturalmente non funziona se non siamo attaccati al chichen loop.

Ma la vedo al momento molto ma molto difficile.

Se qualcuno a qualche idea non esitate a discuterne con noi.
ciao antonio,l'incidente avvenuto a rossano calabro questa estate con conseguenze che potevano essere davvero tragiche visto che 5 persone sono finite in ospedale ed alcuni hanno ripreso a lavorare dopo ben 4 mesi di terapie ed interventi ...,beh 2 diloro sono finiti in volo perche' le sicure 2009 di una brand che non voglio citare si erano incastrate con dei granelli microscopici di sabbia,l'ho visto con i miei occhi perche ero vicino al ragazzo che cercava di sganciarsi e non ci riusciva (neanche in 2)prima di essere investito in pieno da una raffica allucinante!
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 16.49 come risposta a Antonio Gaudini.
Secondo me un sistema di Autosgancio non è praticabile, gli sganciamenti non voluti sarebbero così numerosi da provocare un sacco di incidenti.
quello che è praticabile è:
1) che le scuole facciano fare ai corsisti delle prove di sgancio in diverse situazioni magari usando vecchie ali destinate alle cantine (o E-bay)montate su barre nuove.
2) tutti ogni tanto controllasimo che lo sgancio funzioni.
Poi secondo me molti incidenti non sono dovuti al fatto che lo sgancio non funziona, ma al fatto che quando si è in aria e si pensa di tornare giu' una raffica molto forte che non ci si aspetta ti porta talmente in alto che un eventuale sganciamento ti porta a precipitare sulla spiaggia così si tenta di controllare per salvare le gambe, ma questo porta a impatti contro ostacoli che portano alla tragedia.
Io sono il primo che dico di non sapere come mi comporterei in una situazione simile. Ma li dipende dal momento non è una cosa che dipende dai sistemi.
Vi ricordate quel video di Maui di diversi anni fa' in cui una volava per dei minuti atterrando negli alberi nell'entroterra? In quel caso gli è andata bene non si è fatto niente... ..forse se sganciava subito ci rimetteva le gambe, nel caso di quest'estate invece gli è costata la vita.
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 16.55 come risposta a Stefano Tucci.
gaevulk,

CREDO CHE PROPRIO PER IL BENE DELLE PERSONE CHE USANO QUEL TIPO DI KITE DOVRESTI DIRE CHE MARCA SONO E DENUNCIARE IL MAL FUNZIONAMENTO..!!

PENSACI !
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 17.33 come risposta a Luca Kite.
concordo in pieno con DART che poverino bisogna dargli atto era da qualche anno che metteva in allarme nei vari forum un pò tutti sulla sicurezza e sul fatto che visto il numero crescente di kiters in Italia qualcosa prima o poi sarebbe successo,
a riguardo perfino nel forum internazionale cè un post che rileva e tiene il conto sui kite incidenti nel mondo e il numero ragazzi è impressionante,
si ricava che il 90% degli incidenti mortali sono stati causati da sfuriate improvvise di vento e quasi tutti a kiter medio/esperti !!!

Ora lascerei segnalandolo cmq alle case produttrici/ingegnieri/inventori di escogitare qualcosa di sicuro ed efficace per i ns sganci rapidi, noi per ora e parlo per tutti i forum/siti italiani potremo come piccolo passo segnalare in alto sugli indici/home che nei prossimi giorni sono in arrivo giornate a forte turbolenza magari con stellette o lampeggi dove in maiuscolo si segnala all'utente forum che se và in acqua è a suo rischio e pericolo...
lo sò è un piccolo passo ma almeno qualcuno e qui basta per salvare la vita, una vita..., dicevo qualcuno vedendo il lampeggio o segnalazione va in acqua più attento o proprio desiste nel farlo...

ciao a tutti
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop
Risposta (Unmark)
12/11/09 17.49 come risposta a Marco Amidani.
ciao ragazzi

sono pienamente d'accordo con l'amico Dart.

se ci pensiamo bene è sempre necessario l'intervento del "kiter" per lo sgancio della sicura. altrimenti il sistema potrebbe azionarsi da solo magari mentre facciamo una manovra.

non ritengo paragnonabile gli sci al kite...se lo sgancio degli sci si apre..on succede nulla di particolarmente grave..ma se il kite svolazza da solo potrebbe determinare un brutto incidente attorcigliandosi ad un altro kiter e via discorrendo.

personalmente per quanto visto nella mia giovane esperienza di kiter ed istruttore gli incidenti riguardano quasi sempre pricpianti che si comportano in modo imprudente e insicuro.

ajo

alessandro
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 20.37 come risposta a Marco Amidani.
Anche io concordo pienamente con Dart.
Come qualcuno ha scritto in un altro forum.....la sicurezza è per il 95% nella testa del kiter, poi viene l'attrezzatura.
Tanto per fare un esempio, il giorno prima dell'ultima tragedia mi era arrivata la 9 nuova.....perchè secondo voi il giorno dopo non sono andato a provarla? Eppure sulla webcam della rambla si vedevano molti kiters con un tempo dimmerda.
Ricordatevi anche le dinamiche dei due incidenti dello scorso anno a Passoscuro e San Nicola ..... fate due + due e vedrete che anche quelli si potevano evitare.
Sarò pure troppo prudente, ma la perdita del mio amico Gianluca mi ha traumatizzato, ho moglie e due figli e loro sono la cosa importante...DEVO tornare intero a casa quindi se le condizioni mi puzzano non armo e comunque, anche con 10 nodi, a terra sempre una mano sulla sicura pronto a sganciare.

Invece di dare la colpa alle sicure........quanti di voi hanno visto qualcuno sganciarsi?
Sono daccordo su una standardizzazione delle sicure, troppe diverse in giro e quella centrale mi sembra la più indicata.
Sono assolutamente contrario a uno sgancio automatico, secondo mè fà più danni per sganci involontari che altro.
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
12/11/09 22.29 come risposta a Simone Politi.
zitrone:
Anche io concordo pienamente con Dart.
Come qualcuno ha scritto in un altro forum.....la sicurezza è per il 95% nella testa del kiter, poi viene l'attrezzatura.
Tanto per fare un esempio, il giorno prima dell'ultima tragedia mi era arrivata la 9 nuova.....perchè secondo voi il giorno dopo non sono andato a provarla? Eppure sulla webcam della rambla si vedevano molti kiters con un tempo dimmerda.
Ricordatevi anche le dinamiche dei due incidenti dello scorso anno a Passoscuro e San Nicola ..... fate due + due e vedrete che anche quelli si potevano evitare.
Sarò pure troppo prudente, ma la perdita del mio amico Gianluca mi ha traumatizzato, ho moglie e due figli e loro sono la cosa importante...DEVO tornare intero a casa quindi se le condizioni mi puzzano non armo e comunque, anche con 10 nodi, a terra sempre una mano sulla sicura pronto a sganciare.

Invece di dare la colpa alle sicure........quanti di voi hanno visto qualcuno sganciarsi?
Sono daccordo su una standardizzazione delle sicure, troppe diverse in giro e quella centrale mi sembra la più indicata.
Sono assolutamente contrario a uno sgancio automatico, secondo mè fà più danni per sganci involontari che altro.
se ti riferisci a me ti dico una cosa....io HO visto con i miei occhi un mio amico trascinato dal vento che e' aumentato repentinamente in acqua,sono andato correndo da lui(ero gia' uscito fiutando il pericolo) che nel frattempo era scarrocciato di 2-300 metri gridandogli di sganciarsi e lui mi ha detto che non ci riusciva,io ed un altro kiter ci siamo resi conto che aveva il leash attaccato al c.loop e glielo abbiamo sganciato e mentre io cercavo di aiutare il malcapitato a sganciarsi senza riuscirci arriva un megarafficone che lo ha lanciato 50-60 in aria e non so ancora oggi come abbia fatto a riportare solo un trauma cranico/toracico mentre l'altro kiter che gli aveva tolto il leash dal cloop cercando di fermarlo dal leash si e' visto quest'ultimo conficcato nel dito medio con la conseguenza che il suo povero tendine l'ha presa in quel posto e solo dopo un intervento chirurgico e 4 mesi di terapie e' riuscito a riprendere a lavorare ....tutto questo sotto ai miei occhi quindi se il tuo "invece di dare la colpa alle sicure" era rivolto a me sappi che io la colpa a quello sgancio gliala do eccome perche' l'ho visto con i miei occhi che non ha funzionato neanche quando abbiamo cercato di aprirlo in 2!
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
13/11/09 0.18 come risposta a Gaetano Vulcano.
Ciao ragazzi, non penso che zitrone si riferiva ad una discussione scritta in precedenza, ma ad un suo pensiero che è nato indifferentemente dalle cose scritte.

Un consiglio comunque che posso dare è quello comunque di provare il check delle sicurezze prima di entrare in acqua in condizioni simili.

Sembrerà scontato dirlo adesso, ma quella è una delle prime cose che faccio oltre che a controllare la resistenza e l'usura del depower.

Comunque per il momento dobbiamo solo fare una buona propaganda e fare più attenzione.

Non voglio più scrivere o inserire news del genere...
RE: Il Sistema rilascio al Chicken-loop non basta!
Risposta (Unmark)
13/11/09 11.59 come risposta a Gaetano Vulcano.
Tranquillo. non sò neanche a che ti riferisci....il mio era un discorso in generale, niente contro di te solo che si criticano sempre le sicure, ma facciamoci un esame di coscienza...quanti di noi le usano o quanto meno le controllano regolarmente? Ho visto troppa gente rotolarsi sulla spiaggia attaccata alla barra....ma di sganciare manco l'idea lontana.

L'incidente può sempre succedere...però...visto che ti sei tirato in ballo.....
tu hai scritto
-"nel frattempo era scarrocciato di 2-300 metri gridandogli di sganciarsi e lui mi ha detto che non ci riusciva" .... il tempo mi sembra che c'è stato (ti ha pure risposto) e non poteva semplicemente togliere il finger (che in questi casi lo togli già prima di arrivare a riva) e sganciare a mano il cloop?
-"ci siamo resi conto che aveva il leash attaccato al c.loop " ti sembra saggio tenere il leash in modalità suicide con quelle condizioni?

Come vedi ci sono tante piccole accortezze che posso scongiurare il pericolo. Pure io prima me ne fregavo, ma dopo che ho perso un amico, ci presto la massima attenzione anche in condizioni tranquille.
Risultati 1 - 20 su 25.
di 2