kitesurf marsala

kitesurf viaggi

kitesurf fondi, terracina

BANNER DISPONIBILE, PER MAGGORI INFO POTETE CONTATTARE IL NUMERO 0640049423 - redazione@kitesurfing.it 

Incidente grave a Latina

Vista Combinata Vista Piatta Vista ad Albero
Discussioni [ Precedente | Successivo ]
Risultati 1 - 20 su 35.
di 2
Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
28/03/13 8.29
Duro colpo oggi nei pressi della sede di Kitesurfing.it presso il lungomare di Latina

Un giovane rider di nome Eros, che pratica kite saltuariamente, visto la fantastica giornata di scirocco è andato a scontrarsi contro il pontile di Capo Portiere.

Si pensava il peggio, visto persino l'intervento dell'elielicottero dell'ospedale.

Per fortuna che le ultime notizie della serata danno Eros, non grave, alcuni punti in testa, altrettanti al ginocchio ed al gomito.

Un bello spavento.

Purtroppo nonostante il fortissimo vento PERTURBATO di scirocco, Eros ha preferito montare una 11 metri, in quanto il vento tendenzialmente era un po calato.

Aveva perso la tavola e stava andando verso gli scogli. Da li l'incidente. (notizia trapelata da alcuni rider presenti nel momento dell'incidente)

Vi aggiorneremo domani sullo stato di Eros, per il momento gli auguriamo una pronta guarigione...
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
24/03/13 22.35 come risposta a Antonio Gaudini.
Mannaggia agli scogli!

Auguro anch'io che guarisca bene e dopo . . . emoticon
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
24/03/13 23.25 come risposta a Antonio Gaudini.
meno maleemoticon
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
25/03/13 9.37 come risposta a Antonio Gaudini.
Ahhhhh le perturbazioni.. le perturbazioni.... maledette perturbazioni...... tutto on off....0/30 nodi... ed eccoci li' dove finiamo sempre. Ci si rimette la pelle.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
25/03/13 12.06 come risposta a Andy Iceberg.
In bocca al lupo Eros, rimettiti presto, medita su quanto è accaduto ma non smettere di fare kite; sono cose che possono capitare, purtroppo.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
25/03/13 18.58 come risposta a Andy Iceberg.
iceoair:
Ahhhhh le perturbazioni.. le perturbazioni.... maledette perturbazioni...... tutto on off....0/30 nodi... ed eccoci li' dove finiamo sempre. Ci si rimette la pelle.

Per rispondere
eravamo lì al momento dell'accaduto ed abbiamo prestato soccorso
il vento era bello teso sui 25 nodi con raffiche ben oltre i 30
le vele presenti in aqcua 7 metri ed un solo 11 abbastanza recente e di forma a C (molto) chiuso
Alcuni con 10 metri delta prima dell'accaduto erano usciti in quanto il vento era troppo forte per la metratura.

Mi dispiace molto per l'accaduto sicuramente dopo una bella giornata di mare non è il massimo per chiudere.
Tuttavia mi domando il perchè di determinate scelte visto che il kiter non era un principiante e gli era stato fatto notare che non era il caso di utilizzare una metratura del genere.

Personalmente al mio amico Davide presente ieri, non ho alzato la vela e mi sono rifiutato categoricamente, anche lui con un 12mt nonostante la sua stazza di oltre 100kg .

Spero con tutto il cuore che Eros si riprenda presto, e presto rientri a farsi una bella surfata (magari con una vela più piccola).
Ciò che mi rammarica è che nonostante l'euforia e l'adrenalina che ci regala questo splendido SPORT spesso si è troppo superficiali e ci si lascia andare a scelte malvalutate.

Parlo da padre di 2 figli e a mia volta sono figlio anch'io.

PS ricordiamoci anche dei genitori prima

I miei migliori auguri ad Eros di pronta guarigione
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
25/03/13 19.06 come risposta a Gabriele Monterubbiano.
Se era dilettante ci sta.... se era PRO da tanti anni.. magari e' il suo carattere fare quelle cose senza pensarci molto.
Chi in mare ci va da molti anni e cerca il vento solitamente ha avuto le sue esperienze negative.. ci siam passati tutti.. ed e' in quel mentre che conosci e scopri i tuoi limiti. C'e da sperare di poterne far tesoro per il futuro e quindi di darsi una regolata.
Adesso Eros conoscera' il suo limite di non poter girare con 25/30 nodi rafficati ed una 11. Certo non ci voleva un genio... ma se prima non c'aveva mai provato e non gli era mai successo nulla... questa e' stata una sfortunata esperienza finita divinamente.. poteva finire in tragedia.
Importante sia stato utile a lui per capire e mettersi in carreggiata.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
28/03/13 8.32 come risposta a Andy Iceberg.
Signori, qui non è questione di essere PRO o essere dilettanti, con 30 nodi ed una 11 metri bisogna stare più che distanti agli ostacoli.

Qui parliamo di una incidente che non penso nessuno prenderà mai come esempio, perchè non c'è da discutere se dico che non si deve uscire con queste condizioni con una vela non idonea alle condizioni.

Mi rammarica che un ragazzo si è fatto male, ma la cosa che mi fa arrabbiare che per il rischio di una stronzata fatta ci rimette poi tutto il popolo del kite, per l'opinione pubblica e per le istituzioni.

Sapete benissimo che non aspettano altro che noi sbagliamo per dire che il kitesurf è periocoloso, e poi la prendono come pretesto per non darci spazi adeguati agli allenamenti.

Mi dispiace ancora per Eros non lo auguro a nessuno, ma chi di voi si è mai permesso con il ghiaccio per strada a correre a 200 all'ora con la macchina????
Penso nessuno, per il semplice fatto che il rischio di incidente è quasi certo.

Quindi per tutti quelli che decidono di uscire soprainvelatissimi, anche per i meno esperti se pensate di farlo, dovete stare attenti solo in 2 corcostanze, la partenza e l'arrivo è dovete stare sempre MOLTO distanti dalla riva.

Se riesco domani mi vado ad accertare delle condizioni...

PS questo non è riferito al malcapitato perchè l'incidente è sempre alle porte, è solo un concetto generale. Bisogna sempre stare attenti.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 8.16 come risposta a Antonio Gaudini.
Antonio ha pienamente ragione!
Lo so per esperienza in quanto provengo dal motociclismo.
Anche con le moto, dilettante o no, se non si corre in sicurezza non si campa molto (purtroppo 2 miei amici se ne sono andati grazie alla loro imprudenza).
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 9.31 come risposta a Antonio Gaudini.
No aspetta un attimo Antonio... saperci fare con gli sport e' diverso che esser novellini!!
Se ci sai fare ed esageri... mi viene una parola poco carina da dire... sei un c....ne!
punto!
Quando facevo windsurf all'inizio che ho iniziato a prendere peler al garda uscivo con vela da 5.0 e 150lt di tavola perche' non sapevo fare altro.
Gli altri mi dicevano che la tavola era grossa.. ma io ci mettevo veletta sopra e andavo... ovviamente non sapevo le partenze dall'acqua e poco uso trapezio e straps.
Finche' un giorno di ottobre fine stagione... pata-track: mi son fatto male! Seriamente! Proprio con quel connubio di 5.0+150. Risultato... 6 mesi invernali completamente fermi, spalla e braccio che non si muovevano ed i primi 7gg non guidavo e non riuscivo a vestirmi al mattino.
6 mesi per riabilitarmi.... ed a distanza di 7 anni da quell'evento oggi ho ancora dolori a quel braccio e poca forza... perche' ho fatto danni permanenti.
Se oggi vedo ventone so cosa montare... ma so anche che se non ho l'attrezzatura che intendo io non esco ed aspetto o cerco spot con vento meno intenso.
E questo si chiama esperienza!
Il resto io la chiamo coglionaggine nel caso uno sa andare e sottovaluta o esce con attrezzatura completamente sbagliata (tanto non succede nulla, vero)? E la chiamo inesperienza e non conoscenza dei proprio limiti invece quando queste cose le fa chi e' all'inizio.
L'esperienza e gli anni di esercitazione di uno sport contano! Eccome se contano!
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 9.56 come risposta a Andy Iceberg.
Cioè più la tavola da windsurf è grande e più è pericolosa?
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 10.53 come risposta a Stefano Scrignoli.
Vela da 11 e 25-30 nodi?!?!emoticon

Non si fa Punto
Io ieri ero fuori con la 6 25 nodi di base con raffiche da 35 per un attimo in spiaggia mi ha stallato è entrata in powerzone e ha ripreso a pieno potere risultato 20 metri strisciando di spalla e bacino per fortuna prima di armare ho ben scelto il pezzo di spiaggia stando attendo 1 che fossi distante da pali e reti 2 che nella sabbia non ci fossero ne pietre ne tronchi per almeno 200 metri mentre strisdciavo sono riuscito a controllare la vela e a portarla a bordo finestraemoticon
ma mi chiedo se trovavo una pietra o un tronco che cavolo mi succedeva?e avevo casco ed impactemoticon
35 nodi di raffica sono tanti anche con una 6 figuriamoci un 11

Dimenticavo Buona guarigione al malcapitato e mi raccomando la prossima volta prudenzaemoticon
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 10.22 come risposta a Stefano Scrignoli.
erpiotta71:
Cioè più la tavola da windsurf è grande e più è pericolosa?

Non è questo che intendeva.
Uscire in ws con una vela da 5.0 mq vuol dire avere condizioni di vento abbastanza forte e di conseguenza acqua mossa.
E quando c'è onda o chop consistente, una tavola da 150 litri non la controlli, sbatte da tutte le parti, non sta giù.
Bisogna scendere di volume e dimensioni per riuscire a stare in acqua.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 10.32 come risposta a Massimo Sala.
Questo non lo sapevo.
Non mi intendo di WS in quanto non l'ho mai praticato.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 11.29 come risposta a Antonio Gaudini.
E' tanto che non scrivo sui forum e qui poi avevo promesso che non avrei scritto più dato che il mio rapporto di utente di questo forum con Antonio non è mai stato "idilliaco"...però su questo post vorrei scrivere qualcosa riguardo alla mia esperienza che può essere utile a chi pratica questo sport bellissimo.
La premessa è che ho praticato questo sport per più di 10 anni raggiungendo un buon livello e che oggi non lo pratico più perchè:
1) ho rischiato di farmi male seriamente e non nascondo che mi sono spaventato al punto tale che ho subito deciso di smettere;
2) i miei amici hanno insistito per farmi continuare ma poi di fatto ho perso l'entusiasmo (leggi mostro);
3) oggi faccio altri sport anche a livello agonistico con enorme soddisfazione e la mia condizione fisica e aggiungerei anche mentale, è decisamente migliorata.
Anche se non sembra tutti i tre punti sopra descritti sono molto pertinenti rispetto all'argomento del post e vi spiego perchè:
riguardo al punto 1) nessuno dei kiter si rende mai conto di quanto rischia fino a che non gli succede qualcosa (e qui vi starete tutti grattando emoticon) e si perchè l'idea che voi sarete in grado di prevedere l'imprevedibile vi sovrasta. Invece poi basta qualcosa che si inceppa e che non lavora come dovrebbe e SE NON SIETE IN SICUREZZA (distanti da ostacoli, distanti tra voi ecc) l'incidente più o meno grave è inevitabile. E più siete pro e più sottovaluterete questa semplice regola.
riguardo al punto 2) dovete fare uscire il mostro, quello che non vi fa ragionare quando c'è vento. Quello che vi fa stendere male i cavi, quello che vi fa alzare l'ala nel modo e nel punto sbagliato. Quello che sovrasta tutti i campanelli di allarme.
riguardo al punto 3) siete sicuri che senza fare kite in quelle giornate proibitive starete peggio? Se riuscirete a vincere il mostro vi renderete conto che quando le condizioni sono toste magari è meglio fare altro anche perchè non si impara a fare kite quando le condizioni sono estreme: meglio un termico di 15 nodi che un vento di perturbazione di 30 emoticon
Ora sicuramente qualcuno (spero non Antonio emoticon) mi risponderà male ma sono sicuro che qualcuno di voi praticanti potrà trarre beneficio da quanto ho scritto e potrà godersi meglio le prossime uscite.

HAPPY KITE! per voi
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 11.51 come risposta a Guido Riccardelli.
Ciao Gmac

Visto che siamo in tema, e magari può essere utile, puoi raccontare che ti è successo col kite e, soprattutto, come ne sei uscito?
Io sono un principiante e mi sono accostato a questo sport provenendo ed abbandonando di fatto un altro sport molto pericoloso che mi ha causato varie fratture e traumi, l'ultimo dei quali mi ha incrinato la fiducia che è necessaria, nel downhill, per mantenere la "velocità di galleggiamento" su rocce e radici. Ho venduto tutta l'attrezzatura da DH per comprarmi tutto per il kite.
Ora, la piega che sta prendendo questo e altri thread mi sta preoccupando: da come me l'ha sempre dipinto l'amico di uscite mi ero immaginato il kite come uno sport abbastanza tranquillo fatto di belle giornate al sole, good vibration e birrette in spiaggia... E devo dire che lo stesso quadretto era stato dipinto alla moglie che non ne poteva più di vedermi tornare a casa zoppicante o con arti ingessati...
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 12.08 come risposta a Massimiliano Violati Tescari.
Il windsurf in questo senso e' molto piu sicuro credimi... meno problemi, niente cavi.. se cala il vento in qualche modo ritorni se hai tavola che galleggia o quantomeno a nuovo. Quando cadi.. cadi li' e buona notte... si ti puoi far male ma solitamente non cose molto gravi, quasi sempre se fai wave distorsioni/costole/etc. e gravi se ti vengono addosso con barche e simili (qualche caso ho sentito succedere).

Se ti piace acqua e vento e vuoi stare piu sereno fai wsurf... pero' per contro ci vuol piu tempo ad impararlo e saper andare.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 12.09 come risposta a Stefano Scrignoli.
Bhe e' come il kite.. vento forte, ala piccola, tavola piu piccola: nooo???!!!!
Cosi' windsurf uguale... e piu sei dilettante piu ci sono LT per avere stabilita' e con meno vento si esce... piu aumenta il vento piu e' meglio aspettare di esser piu bravi ed aver attrezztura e capacita' adeguate.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 12.16 come risposta a Massimiliano Violati Tescari.
maxilconte:
Ciao Gmac

Visto che siamo in tema, e magari può essere utile, puoi raccontare che ti è successo col kite e, soprattutto, come ne sei uscito?
Io sono un principiante e mi sono accostato a questo sport provenendo ed abbandonando di fatto un altro sport molto pericoloso che mi ha causato varie fratture e traumi, l'ultimo dei quali mi ha incrinato la fiducia che è necessaria, nel downhill, per mantenere la "velocità di galleggiamento" su rocce e radici. Ho venduto tutta l'attrezzatura da DH per comprarmi tutto per il kite.
Ora, la piega che sta prendendo questo e altri thread mi sta preoccupando: da come me l'ha sempre dipinto l'amico di uscite mi ero immaginato il kite come uno sport abbastanza tranquillo fatto di belle giornate al sole, good vibration e birrette in spiaggia... E devo dire che lo stesso quadretto era stato dipinto alla moglie che non ne poteva più di vedermi tornare a casa zoppicante o con arti ingessati...


Semplicemente si è incastrato il boma a seguito di una manovra non riuscita ed il leash di sicurezza non si è aperto. Ero molto sopravvento al corallo (ero in mar rosso) e l'ala trascinandomi sottovento ha looppato talmente tante volte che a pochi centimetri dall'inizio della barriera si è fermata chiudendosi su se stessa. Se fossi stato più vicino...
Ma quello che mi è successo non è importante (anche perchè non mi sono fatto neanche un graffio), mentre nel caso specifico è stato importante che io fossi sopravvento altrimenti non me la sarei cavata. Ora vai in un qualsiasi spot in una giornata di vento e verifica quanti kiter rispettano queste semplici regole e cerca di distinguerti emoticon

Comunque dalla DH potevi passare all'XC restando in tema emoticon

Esci in kite con le condizioni giuste e rispettando le regole e non avrai problemi, ma non farti prendee dal mostro.
RE: Incidente grave a Latina
Risposta (Unmark)
26/03/13 12.30 come risposta a Massimiliano Violati Tescari.
maxilconte:
Ciao Gmac

Visto che siamo in tema, e magari può essere utile, puoi raccontare che ti è successo col kite e, soprattutto, come ne sei uscito?
Io sono un principiante e mi sono accostato a questo sport provenendo ed abbandonando di fatto un altro sport molto pericoloso che mi ha causato varie fratture e traumi, l'ultimo dei quali mi ha incrinato la fiducia che è necessaria, nel downhill, per mantenere la "velocità di galleggiamento" su rocce e radici. Ho venduto tutta l'attrezzatura da DH per comprarmi tutto per il kite.
Ora, la piega che sta prendendo questo e altri thread mi sta preoccupando: da come me l'ha sempre dipinto l'amico di uscite mi ero immaginato il kite come uno sport abbastanza tranquillo fatto di belle giornate al sole, good vibration e birrette in spiaggia... E devo dire che lo stesso quadretto era stato dipinto alla moglie che non ne poteva più di vedermi tornare a casa zoppicante o con arti ingessati...


Caro Max, devi stare tranquillo e non impressionarti troppo. Io, come te, provengo da anni di windsurf e da quattro faccio kite. Sicuramente, il kite può trasformarsi in un gioco molto pericoloso ma se usi, dico se usi sempre la prudenza, e sprattutto se non ti lasci prendere dalla foga di uscire sottovalutando le condizioni del mare e del vento, è improbabile che possa accaderti qualcosa di grave.

Prediligi i venti termici e se puoi (come sto facendo io da un paio di anni a questa parte), organizza le tue vacanze in funzione di una località favorevole alla pratica del kite in sicurezza (posso suggerirti, ad es. Gizzeria in Calabria) oppure se puoi, il Brasile nei mesi di novembre/dicembre. Gli incidenti che vengono quì riportati si sono verificati nel litorale romano/laziale (dove vivo anche io). Trattasi di un litorale favorevolissimo alla pratica del kite, ma spesso e soprattutto nei periodi invernali, i venti di scirocco o di ponente/maestrale creano condizioni piuttosto radicali (vento rafficato, mare formato, etc.) che per un principiante o per un rider poco allenato possono risultare anche molto pericolose. Allora ti dico, quando ti capiterà, come credo ti capiterà prima o poi, di uscire con vento forte (side on tassativo) e mare un pò formato, non rischiare e per non rischiare devi semplicemente utilizzare la vela adeguata e, una volta in acqua, non allontanantri mai da riva per più di 100/200 metri; in questo modo imparerai gradualmente a superare gli schiumoni e le onde e prenderai sempre più confindenza con l'elemento acquatico.
Risultati 1 - 20 su 35.
di 2